BAMBINI CHE SPARISCONO NEL NULLA

DATI VIMINALE PUBBLICATI

– 28/set/2010 – da Humanita uomo (Diritti riservati) –

[ aggiornato in data 28/set/2010 e modificato da g. gagliardi per aggiornamento]

Dal 1° gennaio 1974 al 31 ottobre 2009 si è accertato che le persone persone scomparse in Italia ancora da rintracciare sono in totale 25.871,

di cui 10.755 cittadini italiani

e 15.116 cittadini stranieri,

– quelli maggiorenni sono 15.103 di cui 8.761 italiani

e 6.342 stranieri.

-I minori sono, invece, 10.768,

di cui 1.994 italiani

e 8.774 stranieri.

1.0 La differenza, rispetto al dato rilevato al 31 marzo 2009 è di 1.067 unità in più e di 1.318 in più rispetto al 31 dicembre 2008.

Le regioni ove il fenomeno continua ad assumere particolare rilievo sono il Lazio, la Lombardia , la Campania, la Sicilia ed il Piemonte.

Alla data 31 ottobre 2009, secondo quanto risulta dalle analisi effettuate dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, il fenomeno dei minori scomparsi in generale continua a destare preoccupazione per l’entità dei dati riferiti. Tuttavia, è necessario ribadire che la questione deve essere inquadrata nel più ampio contesto relativo ai flussi migratori riguardanti anche i minori stranieri non accompagnati.

-MINORI CHE SI ALLONTANANO DALLE COMUNITA’ In particolare, la categoria dei minori scomparsi per allontanamento dagli istituti e comunità di affido risulta essere quella con il maggior numero di casi registrati: 1.775 in totale, di cui 1.539 stranieri e 236 italiani

-Solo nell’anno in corso e fino alla data del 31 ottobre, i minori allontanatisi dagli istituti e comunità sono stati in totale 567, di cui 439 stranieri, (312 di età compresa fra i 15 e i 17 anni), e 128 italiani (81 di età compresa fra i 15 e i 17 anni).

-LE SOTTRAZIONI DI MINORI di minori da parte di un genitore o di un congiunto sono pari a 134 unità, 86 italiane e 48 straniere. Di queste, considerato solo l’anno in corso fino al 31 ottobre 2009, sono state registrate dallo SCO 108 sottrazioni di minori, di cui 54 di stranieri e 54 di italiani.

2.0 BAMBINI CHE SPARISCONO NEL NULLA.

Tra le tante notizie di cronaca che denunciano la progressiva perdita dei valori etici ed umani una è particolarmente sconvolgente: sembra infatti che siano in costante aumento i bambini che spariscono nel nulla e che, solo in Italia e nei primi mesi del corrente anno, siano 222 quelli dei quali si è persa la traccia. Stando ai dati forniti il 25 maggio scorso ( Giornata internazionale dei bambini scomparsi ) da Telefono Azzurro, sono 2.492 i minorenni, italiani e stranieri, spariti in Italia dal 2005 al 2009: dato allarmante se si pensa che, nelle statistiche, non sono computati quelli diventati nel frattempo maggiorenni.
Secondo il ministro Maroni sono 10.267 i casi registrati dal 1974 al 2009, 1.810 dei quali riguardanti ITALIANI: tra gli altri, Emanuela Orlandi, Angela Celentano, Denise Pipitone e i due fratelli Pappalardi ( i cui corpi sono stati poi ritrovati – n.e.).

Peggiore la situazione degli STRANIERI : non si sa più niente di circa 400 ragazzini sui 1320 approdati (nel 2009) a Lampedusa (cifre fornite da Maroni) ed Ancona diventata la nuova Lampedusa. Forse rapiti e poi venduti per traffico d’organi, per prostituzione o schiavitù-I dati provenienti dall’America e Paesi dell’Est sono ancora più inquietanti.

3.0 AMERICA DEL SUD.

LA’ NE SPARISCONO 2000 al giorno. Un fenomeno diffuso in tutto il mondo con entità numeriche agghiaccianti. Certo, almeno nel nostro Paese, l’80% degli scomparsi, prima o poi, ritorna a casa. Ma rimane quel 20% di casi irrisolti: un dramma, per i genitori, superiore al lutto che, almeno per i credenti, è lenito dall’accettazione della volontà di Dio; una tragedia su cui spesso cade il silenzio; motivata da svariate cause, dall’allontanamento volontario da casa al rapimento effettuato da un genitore che, in conflitto con il coniuge, fa perdere le proprie tracce e quelle del figlio; dalla riduzione in schiavitù al traffico di organi; dalla pedo criminalità familiare od organizzata al sequestro per scopo di estorsione.

4.0 PEDOCRIMINALITA’ IN ATTO O SOMMERSA??

-A volte, dietro la scomparsa di un bambino, c’è un individuo che ne abusa e poi l’uccide;

-altre volte, invece, lo tiene segregato per decenni, salvo decretarne la morte, quando non serve più. Motivazioni, queste, che variano da Paese a Paese, spesso determinate dalla prospettiva di facili guadagni.

La rapina per pedo criminalità in Italia, per esempio, è quasi inesistente.

In Europa, un caso più eclatante e mediatizzato si è registrato nel Belgio ove Marc Dutroux, pedocriminale assassino, aveva messo in atto una vera e propria organizzazione che rapiva, stuprava e ammazzava minorenni in serie,COLLEGATO A RETI PEDOCRIMINALI NON TANTO OCCULTE ( SPARIRONO AL SUO PROCESSO 22 TESTIMONI A SUO SFAVORE MORTI AMMAZZATI ).

-TURISMO SESSUALE : Diversa la situazione nel resto del mondo dove centinaia di migliaia di bambini\e sono catturati\e ed immessi\e nel circuito della prostituzione minorile, grazie anche a compiacenti agenzie di viaggi che arrivano a offrire pacchetti turistici “tutto incluso”: la Thailandia, le Filippine, il Brasile sono gli Stati ove l’immonda pratica è più diffusa.

TRAFFICO D’ORGANI : Invece, soprattutto in India ma pure altrove (Nepal, Filippine, Pakistan, Afghanistan, alcuni Stati Africani e Cina), si rapiscono i minorenni per venderne gli organi.

Sembrerebbe che a Bombay, su un quotidiano locale, ci sia una rubrica fissa dove chiunque può chiedere un rene, una cornea, un pezzo di cute. Fa la sua offerta, lascia il proprio gruppo sanguigno e un recapito: spesso è contattato in poco tempo. Ne consegue che centinaia di bambini di strada ogni anno subiscono l’espianto di alcuni organi vitali. Poi, il bambino sparisce.

ITALIA COSA INVECE ?

In Italia, ove, tale obbrobrio sembrerebbe quasi inesistente, vi sono però almeno 300 mila minorenni (dai 5 a 12 anni) sfruttati per il lavoro minorile o dagli zingari, per accattonaggio e borseggio, da cui ricavano dai 500 ai 1000 euro al giorno. Nella Penisola in vorticoso aumento, a causa dei matrimoni misti, anche il fenomeno dei figli sottratti da uno dei genitori nelle liti per separazioni o divorzi.

ADOZIONI ANCORA : Sembra che in Romania le legge sulle adozioni è ancora in Parlamento ( Conferenza a Borgomanero Novara sui bambini 2010 )Altrove, specialmente nei Paesi dell’Est europeo (Romania e Bulgaria) i bambini sono venduti a coppie sterili che, invece di ricorrere all’adozione, comprano un neonato, anche a costo di sborsare somme ingenti.

Fatti complessi e drammatici dei quali, a stare a quanto affermato dall’associazione “Telefono Azzurro”, “è ancora scarsamente percepita, in Italia, l’importanza”; perciò chiede “un intervento sinergico tra istituzioni e associazioni”; e promuove l’attivazione di un Centro Nazionale per i bambini scomparsi e sessualmente sfruttati.

5.0 IL NUMERO TELEFONICO EUROPEO 116000:

Per esempio, quelle suggerite da Caterina Boschetti nel suo “Il libro nero dei bambini scomparsi”: un numero verde per denunciarne la sparizione; una banca centrale degli obitori e dei dati del DNA; un fondo per le vittime e le loro famiglie, perché “anche stampare volantini costa”.

Per ridurre tale drammatico andazzo si è mossa pure l’Unione Europea che obbliga tutti gli Stati membri ad aderire, entro il 25 maggio del 2011, al numero telefonico 116 000, linea diretta per i bambini scomparsi già usata da 11 Paesi, compreso il nostro: facile da ricordare, è attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Al quale andrebbe aggiunto, come suggerisce il ministro della gioventù, Giorgia Meloni, l’obbligo di una Carta d’identità riconosciuta anche ai più piccoli (Ma in Italia i ragazzini fino a 15 anni non possono averla), meglio se elettronica. Opportuno anche il convegno organizzato da Telefono Azzurro per mettere a punto strategie di contrasto di questo tragico problema e per combattere l’indifferenza con cui spesso è vissuto dalla società. La quale evidentemente dimentica che ogni bimbo sparito, maltrattato, abusato o ucciso toglie a tutti noi una cellula di civiltà e di futuro.

6.0 PIEMONTE 2010 (da Torino Cronaca 2\12,diritti riservati):

Da gennaio a giugno 2010 in Piemonte

Minorenni scomparsi 39 (14 italiani, venticinque stranieri)

5 sottratti da un congiunto

19 allontanati da comunità

15 presumibilmente scappati

o rapiti ???

Cadaveri senza nome in Italia 770 :

7.0 E gli altri bambini immessi in altri traffici illeciti??

Le cifre fornite e provate danno una angolatura del fenomeno in modo drammatico,ma non dimentichiamoci che “ i bambini scomparsi” sono quelli anagraficamente accertati e\o denunciati dai genitori\parenti. Ma in Italia arrivano anche altri bambini “migranti”più o meno controvoglia che non sono segnalati e che scompaiono così come sono arrivati, anche tramite adozioni tutt’ora operanti e trafficate da ogni angolo del mondo.

La pedocriminalità familiare, artigianale od organizzata è sempre attiva : tempo fa l’Italia era la prima per la pedopornografia dei minori e Prostituzione infantile : ricordiamo la prima operazione di Polizia Internazionale Cathedral 1998 che interessò anche l’Italia, che fu diretta dalla procura di Napoli. Ma i vari pedocriminali accertati furono sbianchettati dopo i loro processi, poche le condanne.

Poi in altre retate nazionali o internazionali ( Koala, o reti pedocriminali scoperte diedero un quadro parziale del fenomeno pedocriminale in Italia come connessioni internazionali di reti familiari o reti internazionali ).Come all’estero esistono anche circoli più o meno evidenti dove si prostituiscono minorenni dei due sessi e solo ogni tanto arrivano ad essere individuati perchè presentati come circoli fotografici, pub, piano bar, siti internet per minori.

PALERMO – Due importanti operazioni contro la pedocriminalità ( un’inchiesta di Telefono Arcobaleno e Osservatorio sui diritti dei minori ha posizionato l’Italia al quinto posto mondiale per produzione di siti internet pedopornografici, con un incremento pari al 295,7% rispetto allo scorso anno.

«ONLY SEX» 2003 – Un’inchiesta della procura di Palermo sulla pedofilia via internet è sfociata nell’emissione di 68 avvisi di garanzia notificati in quindici regioni italiane e sei Paesi europei: Germania, Gran Bretagna, Ungheria, Polonia e Islanda. L’operazione, denominata in codice «Only sex», è condotta dal compartimento regionale della Polizia postale. Perquisizioni a Roma, Milano, Bologna, Genova, Torino, Napoli, Palermo, Catania, Messina e Agrigento. Gli inquirenti hanno sequestrato numerosi floppy disc e computer con immagini di bambini sottoposti a ogni genere di sevizie e abusi sessuali. Tra i 68 indagati figurano professionisti, impiegati, operai e studenti. Oltre a uno psicologo e a un carabiniere, con l’ accusa di avere «per via telematica inviato, scaricato e detenuto consapevolmente materiale costituito da immagini fotografiche e filmati di minorenni coinvolti in rapporti sessuali».

«DIGILANDER» 2003 – è giunta a termine l’operazione «Digilander». Durata circa un anno e scaturita da una denuncia di Telefono Arcobaleno, ha portato gli investigatori del nucleo investigativo della procura di Siracusa ad analizzare 263 siti internet. Le undici perquisizioni effettuate dai carabinieri del comando provinciale di Siracusa, hanno portato al sequestro di dieci pc, 220 cd rom, 39 dvd, 322 floppy disk e 130 videocassette. Gli indagati risiedono nell’hinterland milanese e a Roma, Latina, Treviso, Verona, Bologna, Torino, Macerata e Pesaro. L’inchiesta ha concentrato l’attenzione sulla compravendita di film pedo pornografici all’interno di cinque siti internet italiani – tutti sequestrati – ospitati presso i server di un noto provider romano che sta collaborando. In un catalogo di trenta film della durata di circa 2 ore ciascuno, venivano proposti gli atti sessuali di bambini e bambine di età compresa fra i 4 e i 10 anni.

SENZA NOME DI CODICE

Negli ultimi 5 mesi (2009 )la polizia di Stato ha eseguito, nel solo Lazio, 21 perquisizioni domiciliari, grazie anche a una serie di denunce da parte di genitori più o meno coinvolti in operazioni di adescamento e abuso ai danni di figli e nipoti.

Dall’inizio dell’anno undici persone sono state denunciate e tre arrestate, numeri che si aggiungono alla collezione di siti pedofili italiani che, grazie alla attività della Polizia Postale ha collezionato finora 244 arresti e 5145 denunce.

Durante la relazione, il dirigente ha puntato il dito soprattutto contro i siti di social-networking, di chat e di peer-to-peer, che, ha assicurato, sono già da tempo sotto accurato controllo degli organi di pubblica sicurezza.

10-05-2010 – Bivio san Demetrio Prostituzione: banda di rumeni in manette a Siracusa.

Reclutavano ragazze in Romania, le facevano arrivare in Italia e le costringevano a prostituirsi con violenze e minacce. La squadra Mobile di Siracusa ha arrestato questa mattina a Lentini, sei persone, cinque sono state portate in carcere mentre una è ai domiciliari. Per altri tre membri della banda, residenti in Romania, è stato emesso un mandato di arresto europeo, la cui esecuzione è stata delegata alla polizia rumena.

MONUC 2010 Di tutte le missioni Onu, quella congolese – nota come “Monuc” – ha accumulato più denunce relative ad atti di corruzione e a violazioni dei diritti umani commessi dal suo personale in Congo su minorenni. E’ stata la seconda più grande missione di pace dell’Onu. Stupro, pedofilia e sfruttamento della prostituzione sono le accuse principali contro l’Onu. Un civile francese che lavorava all’aeroporto di Goma per le Nazioni Unite era solito filmare giovani ragazze congolesi, e commerciava in videocassette e fotografie pornografiche.

ONE BABY DOLLAR: queste bambinette\i sono note\i con questo nome perchè sfruttate sessualmente dai militari ( peace keepers ) per una ciotola di latte o altro, biscotti.

06-05-2010 – Pedofilia online: perquisizioni in 17 città italiane

Abusi di adulti su bambini di età compresa tra gli 8 e i 12 anni, con atti di violenza ripetuti sullo stesso bambino. È il contenuto dei filmati sequestrati dalla polizia postale di Catania nel corso delle perquisizioni eseguite in 17 città italiane a casa di 18 indagati per divulgazione di materiale pedo-pornografico su Internet.

Operazione Canal Grande (26/11/2004)

Polizia Postale di Mestre 4 arresti e un centinaio di perquisizioni. Interessati tutto il territorio nazionale e oltre 65 Paesi stranieri, di cui 35 europei, 15 africani, 16 asiatici, 11 americani e uno dell’emisfero australe”, ha detto a Reuters l’ ispettore capo della polizia postale di Mestre, le cui indagini hanno portato all’operazione “Canal Grande”. 4 arresti in esecuzione di altrettante misure cautelari e oltre 100 perquisizioni … praticamente in tutta Italia”.
L’operazione è partita dal monitoraggio di Internet e dall’esame del materiale sequestrato in precedenza ad alcuni indagati. Ha coinvolto le strutture della cooperazione internazionale e le polizie delle nazioni interessate, “rappresenta il momento conclusivo di una articolata strategia di contrasto al fenomeno della diffusione per via telematica della pornografia minorile sviluppatasi per oltre un anno in uno dei servizi più conosciuti della rete”, il file sharing. “Fra gli indagati — spiega Marangon — oltre a soggetti già coinvolti in indagini su reati sessuali nei confronti di minori o in tema di pornografia minorile, anche liberi professionisti, pubblici dipendenti, studenti nonché persone impegnate in attività a diretto contatto con ambienti giovanili, cioè proprio coloro che dovrebbero dare l’esempio sono fra quelli maggiormente coinvolti”.

– 2010 Giornata nazionale contro la pedocriminalità e pedopornografia dati diffusi dalla polizia postale i dati del fenomeno.

Più di 50 le persone arrestate e più di mille quelle denunciate nel 2009 per reati legati allo sfruttamento della prostituzione minorile, alla produzione, commercio, diffusione e detenzione di materiale pedo pornografico con atti di violenza su minori. Dall’inizio di quest’anno sono già 26 le persone arrestate e 300 i denunciati.

Sono 570 invece i siti dai contenuti illeciti finiti nella “lista nera” da quando è stata istituita 3 anni fa.

Profili di pedocriminali.

Attraverso il progetto OLDPEPSY ( 2006 Polizia di stato ) svolta dall’Ecpat Italia (organizzazione internazionale che si occupa di pedofilia, pedo pornografia, traffico e prostituzione di minori) con la collaborazione dell’Università di Parma, ha scoperto che, tra i turisti sessuali, il 5-10 per cento è donna. Si è potuto così tracciare, dei soggetti che hanno subito una denuncia, un profilo criminologico digitale, che registra i comportamenti in Internet ed un profilo criminologico più generale, che riporta le caratteristiche ricorrenti dei soggetti indagati.

La pedofilia trova il suo terreno di azione principale nell’ambito della famiglia della vittima e di categorie sociali e professionali che facilitano contatti ravvicinati con il bambino, quali insegnanti, educatori, sacerdoti, istruttori sportivi e medici. ( 30 Agosto 2006, in Sessuologia,diritti riservati )

8.1 Pedocriminalità al femminile.

Una ricerca dell’ECPAT 2006 (diritti riservati) ha riportato che le donne che sono alla ricerca turistica di prestazioni sessuali hanno fra i 25 ed i 35 anni, sono single e neo-divorziate oppure sposate, ma in cerca di avventure.

9.0 Pedocriminalità è il crimine più squallido a carico di minori : ma c’è il lavoro minorile, il mondo della criminalità,la riduzione in schiavitù, il traffico d’organi. inoltre non dimentichiamo che

Nel nostro Paese risulta povero un bambino su quattro:

-il 25% dei minori italiani,

– il 17% dei francesi e

-il 15% dei tedeschi.

La questione è ancora più grave perché, confrontando i dati dell’ultimo decennio, «pur essendo stati predisposti e, in parte, concretamente realizzati, gli interventi tesi a mitigare il rischio di povertà infantile non hanno generato benefici significativi», come dichiarano Eurispes e Telefono Azzurro 2010.

Anzi i bambini più poveri diventano sempre più poveri e quindi sempre più facilmente adescabili dagli aggressori sessuali o dai criminali che vogliono usarli in varie attività.

1. Il futuro del bambini.
Rapporto Uniceff ed altri in Italia.

29-11-10

MINORI: 1 BIMBO SU 5 VITTIMA ABUSI, AL VIA CAMPAGNA CONSIGLIO D’EUROPA

(ASCA) – Roma, 29 nov 2010- In Europa un bambino su 5 e’ vittima di violenza sessuale, si stima che nel 70-85 % dei casi il piccolo conosca il suo aggressore e che nel 90% dei casi i reati sessuali non vengano denunciati alle autorita’. Da questi dati muove la campagna di sensibilizzazione ”1su 5” del Consiglio d’Europa lanciata oggi a Roma dal vicesegretario generale del Coe, Maud de Boer Buquicchio, insieme al ministro per le Pari Opportunita’, Mara Carfagna, alla presenza del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel complesso monumentale di San Michele a Ripa.

La campagna ha come obiettivo quello di sensibilizzare i bambini, i genitori, gli insegnanti e le persone a contatto con l’infanzia sulla gravita’ del problema, di fornire le conoscenze necessarie per prevenire e denunciare gli abusi sessuali e, non ultimo, si propone di ottenere la ratifica della Convenzione del Consiglio d’Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale, sottoscritta a Lanzarote il 25 ottobre 2007, e ratificata, ad oggi, solo da nove paesi.

Ma poi questo progetto avrà una copertura finanziaria ed un seguito veramente impegnato?????

Rapporto Unicef novembre 2010

L’Italia, “casa” dei più poveri. Concentrandoci sui dati relativi all’Italia, la situazione più allarmante riguarda la salute dei più piccoli. Il nostro paese è al penultimo posto, seguita solo dall’Ungheria. Inoltre l’Italia è fra i paesi dove è più alto il tasso di povertà relativa fra i bambini. Il dato è il 15,5%. Circa un milione e mezzo di ragazzini vive in famiglie con redditi inferiori alla metà della media nazionale. Inoltre l’Italia ha i livelli di spesa per la famiglia fra i più contenuti: dedica ai trasferimenti monetari e alle esenzioni fiscali lo 0,63% del Pil (2007); la Germania il 2,8% e la Francia il 3,7%.

Alimentazione, siamo al 18° posto. Parlando di condizioni abitative, tra i bambini poveri più svantaggiati rispetto agli standard dei loro paesi, ci sono quelli italiani, anche qui al penultimo posto in classifica. Poi c’è l’alimentazione, dei bambini disagiati e il nostro Paese figura al 18° posto su 24. “Nei periodi di difficoltà i bambini più poveri dovrebbero essere i primi ad essere protetti, non gli ultimi ad essere presi in considerazione – si legge ancora nel rapporto Unicef – un bambino ha un’unica possibilità nella vita di uno sviluppo fisico e mentale positivo. Ed è una responsabilità primaria dei governi proteggere quella possibilità, in tempi di crisi come in tempi di prosperità”.

Parlamentari olandesi – Caso Martijn

Parlamentari olandesi vogliono un’indagine penale sull’associazione pedofila ‘Martijn’ per il caso di abuso sessuale infantile ad Amsterdam. Il link con il caso Zandvoort e il caso Temse-Madeira diventa inevitabile.

Dei parlamentari olandesi chiedono un’indagine nei confronti dell’associazione pedofila ‘Martijn’ nei Paesi Bassi, a causa dei suoi contatti con il babysitter, colpevole d’abuso di decine di neonati e bambini. L’associazione ‘Martijn’ è direttamente collegata sia al sensazionale caso di pornografia infantile ‘Zandvoort’ che al caso di pornografia infantile ‘Temse-Madeira’ e ad altri casi importanti, come quelli chiamati ‘Coral’ e ‘Cattedral’ in Francia. ‘Martijn’ era infatti presente in una lista, con molte persone importanti e organizzazioni, che fu sequestrata durante una ricerca investigtiva nell’abitazione del belga Norbert de Rijck a Temse. Questa è stata condotta dalla gendarmeria di Beveren, in Belgio, su commissione del giudice istruttore di Dendermonde.
Nel suo rapporto la Gendarmeria comunicò al giudice istruttore che la lista non era d’alcuna importanza, quindi non vi fu condotta alcuna indagine su abusi sui minori. Il gruppo di lavoro sito a Morkhoven nelle Fiandre, di nome ‘Werkgroep Morkhoven’, che invece indagò sull’elenco, arrivò a scoprire la rete pedocriminale di ‘Temse-Madeira’.
Marcel Vervloesem, fondatore del Werkgroep Morkhoven, approfondendo ulteriormente le ricerche al riguardo, spianò la strada per l’arresto di numerosi personaggi coinvolti nella rete Temse-Madeira, provenienti dal Belgio, dai Paesi Bassi, dal Portogallo e dall’Inghilterra. Nei processi che seguirono, i colpevoli furono condannati.

Questa ricerca portarono Vervloesem e il Werkgroep Morkhoven nel 1998 sulla pista del caso ormai famoso di Zandvoort. Di consequenza il ricercatore Marcel Vervloesem trovò un nuovo collegamento con l’associazione pedofila olandese ‘Martijn’. Una serie d’immagini di pornografia infantile trovata nel dossier di Zandvoort risultò essere identica alle foto stampate sulle riviste di ‘Martijn’. In parte queste foto pedopornografiche risultarono essere scattate da un certo J.M. Villaume in Francia, che a sua volta fu coinvolto sia nello scandalo pedopornografico ‘Cattedral’ che in quello di ‘Coral’ in Francia. Tra le fotografie fu trovata anche la galleria fotografica di Harry Turné dalla Germania che pubblicava delle immagini pedofile sotto il nome ‘Pojkart’. Nelle riviste di ‘Martijn’ si trovarono anche degli articoli connessi al caso pedocriminale ‘Palestra’ in Berlaar, in Belgio, in cui sono stati abusati molti giovani. Molte foto di questo caso erano state pubblicato sulla rivista di ‘Martijn’.

Tutte queste informazioni con relative prove erano precedentemente state consegnate da Vervloesem alla Brigata Investigativa Speciale della gendarmeria di Geel, in particolare all’Adjudant Frans Tops, ma la Giustizia di Turnhout non fece nulla con il materiale. Le immagini sono state usate al contrario per perseguire Marcel Vervloesem per “possesso di pornografia infantile” in modo da poter insabbiare il scottante caso pedopornografica di Zandvoort.
Vervloesem aveva consegnato le stesse prove anche alla Polizia Giudiziaria di Parigi, che su commissione del Ringot, magistrato parigino, era venuta con una rogatoria ai Paesi Bassi e alla Brigata Investigativa Speciale di Geel in Belgio.

Anche nel caso Zandvoort sono state trovate delle foto di neonati e bambini durante i vari abusi. Il programma televisivo olandese ‘Nova’ fece una scioccante trasmissione sul caso Zandvoort in cui furono mostrate alcune delle immagini di bebé e bambini torturati e maltrattati. Le prove di cui sopra si trovano ancora nel fascicolo penale di Marcel Vervloesem, con il pretesto che Vervloesem era indagato sul ‘possesso di pornografia infantile’.

Dopo 10 anni di processi da parte dei media in cui lo chiamarono “cacciatore auto-proclamato di pedofili” e “stupratore di bambini” il ricercatore di Morkhoven fu infine rinchiuso in carcere ne 2008. In questo modo le prove sulla rete pedocriminale di Zandvoort furono insabbiate e il pedofili ed i produttori di pedopornografia potevano andare avanti indisturbati. A Marcel Vervloesem fu imposto un ordine di bavaglio verso la stampa già dal 2006 per ordine della giustizia di Turnhout.

Dopo essere stato torturato per due anni nelle carceri di Turnhout e Bruges, è stato rilasciato qualche mese fa in via provvisoria con la condizionale. Le condizioni vogliono che egli non abbia contatti con la stampa e con le associazioni che s’impegnano a rilevare e a combattere le reti di pornografia infantile. Anche Vervloesem stesso non potrà più svolgere alcuna attività di ricerca, né gli è permesso di lasciare il paese per parlare in conferenze internazionali delle sue ricerche sulle reti internazionali di pornografia infantile. (Alcuni anni fa, un certo numero di politici sono riusciti a prevenire che egli parlò al Senato belga sul caso di pornografia infantile di Zandvoort)

Questa è una buona cosa per gli abusanti di bambini che sono appena stati arrestati nei Paesi Bassi per abuso sessuale di bambini piccoli e per la distribuzione di materiale pedopornografico.
E’ una fortuna anche per l’associazione pedofila ‘Martijn’ che non ha nulla da temere perché tutto il materiale di ricerca di Vervloesem, con la tacita approvazione del ministro di Giustizia belga Stefaan de Clerck, è stato archiviato nellle profondità delle cantine giudiziali. Sarebbe perfino possibile che tutto questo materiale di ricerca svanisca nel nulla come successe con una parte dei CD-rom del caso di Zandvoort.

Notizie dall’Olanda

14 dicembre (Ansa,diritti riservati)

Sono appena affievolite le luci sull’asilo nido di Pinerolo,dove erano maltrattati duramente i piccoli ospiti paganti di cui si possono ascoltare le grida ed i pianti su diversi video di facebook ed altri, ed ecco che spuntano altri asili nido, non solo italiani, dove i piccoli sono stati violentati sessualmente da un ventisettenne che ha fatto una strage di queste violenze ed assieme ad altri deteneva del materiale pedopornografico.

Ormai è diventata una moda fare collezione di quelle immagini e le varie operazioni di polizia internazionali come la prima operazione chiamata Cathedral e quelle nazionali lo dimostrano in continuazione, operazioni che poi non sono quasi mai nazionali, ma si estendono come i tentacoli della solita piovra chiamata a paragone di questo crimine.

La polizia olandese ha pubblicato pure una foto dell’uomo per allertare altri genitori sugli adulti che prestano assistenza ai loro bebè.

Peccato che nessuno ha, come per l’asilo di Pinerolo, videoripreso (vedasi facebook) soprattutto le urla disperate di quei bambini maltrattati che gridavano a Dio ed alle loro mamme lontane la loro condizione di vittime assurde, ammesso che le mamme sentissero o pensassero alle grida disperate dei loro bambini che sicuramente presentavano e presenteranno segni fisici e psicologici dei maltrattamenti subiti.

Peccato che quei video non compaiano nelle schermate principali dei vari media tv con le loro urla, pianti che gridano vendetta umana e divina verso quei mostri umani tanto assomiglianti ai dinosauri tanto diffusi oggi dai programmi Tv per bambini sotto forma di cartoni animati tanto divertenti perché c’è una diffusa mania di abituare i bambini ai mostri, in vista di non si sa di quale futuro.

I bambini oggi conoscono per filo e segno tutte le varianti di quei rettili enormi di cui gli scienziati conoscerebbe tutta la loro vita e morte, perché questo ritorno martellante a quei rettili, cosa c’è dietro tutto questo? Solo interesse scientifico od altro?

I mostri umani sono lì vivi ed operanti e spesso sbianchettati a dovere dalle varie leggi dell’oblio ed altre e, si chiamano pedocriminali, aggressori pedoporno.

Ma in Italia abbiamo esperti che non sentono (o fanno finta di non pensare a) quelle urla e pianti disperati di quei bambini violentati e dicono che i bambini non sono credibili, che si inventano le violenze ed allora propongono di assolvere i pedocriminali uomini o donne che, siano per non aver commesso il crimine.

I bambini parlano un loro linguaggio che non è quello usato dagli adulti che vogliono sapere secondo i loro schemi mentali preordinati o vorrebbero forse non sapere, ma che non capiscono quella dei bambini, specie se violentati dai dinosauri umani.

I bambini ed il bebè (troppo spesso in causa) si esprimono come possono e come sanno fare, spesso usando metafore con cui sanno esprimersi e modalità in via di formazione nei loro schemi mentali ancora liberi dai condizionamenti degli adulti. Ricordiamoci anche della Créche Clovis in Belgio Bruxelles 1997, al centro anni fa di simili presunte o meno violenze sessuali di cui erano verosimilmente indagati educatori ed eurodeputati…(Due sospesi in indagini di pedofilia in asilo nido. Accuse di abusi sessuali su bambini in un asilo nido dell’Unione Europea stanno causando crescente preoccupazione tra i genitori, che sono appena stati ufficialmente informati di un’indagine giudiziaria di quattro mesi. Il nido, che é gestito da una società belga indipendente, si occupa di 250 bambini sotto i cinque anni, figli di funzionari della Commissione, del Parlamento Europeo e del Consiglio dei Ministri).

Facciamo in modo che le urla e pianti disperati ed inascoltati di quei bambini arrivino a Colui che li ascolta e che ha già detto che sarebbe meglio che quei violentatori si mettessero una macina da mulino al collo e si gettassero nel mare, anche se oggi le macine sono sempre meno costruite.

Mamme e papà andate sul solito internet ed ascoltate quei pianti disperati anche se sono virtuali, ma che esprimono quanto succede in realtà e forse sono più terrificanti della realtà inumana propria dei più feroci dinosauri (che nessuno ha sentito urlare) e che ormai riempiono i nostri schermi, libri, cd, dvd, animaletti da gioco per bambini. Un ritorno conscio od inconscio al passato della legge della giungla ? Ricordiamoci anche come si sono estinte quelle specie e magari come ci estingueremo anche noi facendo diventare adulti bambini (il cui numero cresce sempre più) già segnati da pesanti e indistruttibili ricordi di terrore e di violenza subita.

___

AMSTERDAM 13/12/2010 (Ansa. it diritti riservati)- La polizia olandese ha reso noto ieri di aver arrestato un uomo di 27 anni sospettato di aver abusato sessualmente di una cinquantina di bambini in asili nido di Amsterdam, e di aver distribuito materiale pedo pornografico (La polizia ha confiscato i computer dell’uomo che ha confessato di aver abusato di decine di bambini negli ultimi 18 mesi, ha spiegato ieri il capo della polizia olandese, H. Bolhaar. L’uomo è un cittadino olandese originario di Riga, capitale della Lettonia).

L’uomo, arrestato il 7 dicembre scorso, lavorava come supplente negli asili nido di Amsterdam dal febbraio 2007, e si faceva anche pubblicità su internet come babysitter.

In una conferenza stampa in nottata, il capo della polizia di Amsterdam, Bernard W., ha detto che l’uomo e’ sospettato di aver abusato fra i 30 e i 50 bambini, aggiungendo che le indagini sono ancora in corso. Parlando in un caso ”vasto e complicato”, il procuratore capo della citta’, Herman Bolhaar, ha dichiarato che l’uomo e’ sospettato di aver abusato bambini fino a quattro anni di eta’ e ha reso pubblica una sua fotografia per mettere in guardia i genitori di eventuali vittime.

”Al momento – ha affermato – non sappiamo con esattezza quanti bambini siano stati vittime di questo 27 enne”.

L’indagine era cominciata dopo che negli Stati Uniti era stato trovato materiale pedopornografico che si riteneva provenisse dall’Olanda.

E’ stato arrestato anche il compagno dell’accusato, un uomo di 37 anni anch’egli trovato in possesso di materiale pedopornografico, ma che non e’ sospettato di aver compiuto abusi sessuali.

Il caso giunge solo alcuni mesi dopo che un istruttore di nuoto di 60 anni, B. Larue, e’ stato condannato lo scorso luglio a sette anni di carcere per aver abusato di 40 ragazze nel corso di diversi anni.

Aspettiamo il prossimo caso per piangerci addosso, insensibili ai provvedimenti da prendere come prevenzione : un esame psicologico, già valutato e proposto, prima dell’assunzione può diminuire il numero di bambini violentati,ma chi ascolta queste proposte.

LE IMMAGINI MENTALI CHE ACCOMPAGNANO LE TRANCE ESTATICHE

Rievocazione con registrazione poligrafica delle sue esperienze estatiche alle Ghiaie di Bonate di Adelaide Roncalli a. 50 a Milano – P.zza San Nazzaro, il 04/05/1988

1. Incontro a casa di Adelaide Roncalli a Milano

In data 04/05/1988 di mattino mi sono recato alla chiesa di San Nazzaro a Milano, dove a Mons. Giacometti e Don Sessa, consacrati Cattolici già conosciuti e con cui si collaborava per le fenomenologie apparizionali, ho chiesto di poter incontrare la sig.ra Adelaide Roncalli che abitava, all’epoca, in quella piazzetta di fianco alla Chiesa.

Avevo portato con me un poligrafo (Lafayette Ambassador) per ogni evenienza, volendo applicarlo, se la signora Adelaide permetteva, per una registrazione psicofisiologica circa la rievocazione dei fatti apparizionali del 1944 avvenuti presso la frazione Ghiaie di Bonate (BG) nel 1944, all’età di sette anni.
La signora abitava verso gli ultimi piani di un condominio a fianco alla Chiesa.

Mi ha accolto con una certa perplessità, sebbene sapesse della visita dal parroco della Chiesa di San Nazzaro, ma è stata subito tranquillizzata che era solo una visita di cortesia e che si era interessati a sapere qualcosa circa i suoi attuali ricordi emozionali dei fatti apparizionali del 1944 in cui era stata coinvolta e di tutto quanto era successo anche dopo questi fatti.

Avuto il suo consenso, che mi ha dato dopo aver chiesto anche il parere di sua sorella presente, si è iniziato a chiederle delle informazioni generali sul come viveva ora, e lei ha risposto che faceva l’infermiera all’ospedale vicino con turni giornalieri.

Le si è chiesto se lavorava anche di notte e lei ha detto che di notte, abbastanza spesso, andava ad assistere all’ospedale qualche ammalato grave a titolo di volontariato.

Al che le ho chiesto quando dormiva, poiché aveva anche una famiglia che la impegnava, e quindi non era indifferente anche l’attività casalinga oltre al lavoro, e lei mi ha risposto che cercava di assolvere anche ai suoi doveri familiari.

Il suo parlare era molto modesto, come pure il suo atteggiamento; non si dava alcun contegno di superiorità e rispondeva alle domande con sveltezza, senza pensarci molto e senza cambiare tono di voce, che era normale; anche la sua mimica facciale era consona ai discorsi, quasi sempre con un mezzo sorriso su tutto il volto, cioè non asimmetrico; i suoi occhi erano sempre rivolti verso il proprio interlocutore anche se talvolta si spostavano in alto a destra, per ricordare meglio quanto stava esponendo; la postura non era rigida, né flessa, ma abbastanza diritta, il mento non in estensione.

Le ho chiesto se permetteva di farle delle domande inerenti ai fatti del 1944 e se potevo registrare con lo strumento che avevo portato le sue risposte; lei ha acconsentito chiedendo anche cosa ne pensava a sua sorella, che ha dato anche il suo benestare.

Si sono messe a ridere perché, non si aspettavano questa registrazione, che però Adelaide ha accettato di buon grado.


2. La definizione di immagini mentali

La definizione di immagine mentale non è mai stata univoca. Diversi autori hanno dato riscontri differenti, ma si è d’accordo sulla loro natura, e cioè che non sono una rappresentazione del percepito sensoriale (vedi Holt, e poi Pribram, Galanter, Miller, nota 19), ma una rappresentazione mentale anche a carattere parapsicologico (Holt 1964), riferiti anche in particolari stati di stress o, se si vuole, anche biopsicocibernetici. Antonelli descrive 13 tipologie di immagini mentali, tra cui introduce anche l’immagine allucinatoria; secondo Holt quando queste insorgono in assenza di stimoli sensoriali, circostanza a cui Antonelli fa riferimento, nel caso cioè delle “allucinazioni paranormali”, queste sono ben distinte dalle allucinazioni patologiche e che riguardano fantasmi, apparizioni, visioni mistiche. Quindi il tema delle immagini mentali a carattere spiritico o religioso non era disdegnato da quegli autori, che ben si sono guardati dal dare un connotato patologico alla parapsicologia, alla religione e agli stati modificati di coscienza religiosi o laici ed alla biopsicocibernetica.

Secondo Mac Kellar la mente potrebbe elaborare gli elementi offerti dai sensi in modalità indipendenti da quanto offerto e fonderebbe ed elaborerebbe tali elementi dando forme nuove e riorganizzandoli in modo da produrre risultati nuovi (nota 19, pag 5).

In seguito, col cognitivismo e la costruzione di una mente attiva, la percezione e l’immaginazione sarebbero forme della medesima attività mentale o psichica fondamentale, per cui ci sarebbe un continuum (avvicinamento o non distacco) tra queste due attività mentali che sono all’estremo della medesima attività psichica. Queste ipotesi sono state in seguito confermate dall’effetto Perky (Segal 1972), in cui uno stimolo esterno può introdurre un’immagine nel flusso ideativo senza che il soggetto sia consapevole di questo. Molti altri autori si sono interessati all’argomento e le loro conclusioni confermano sempre di più che i limiti tra percezione ed immaginazione possono essere sempre più sfumati, quando non è possibile (Berlyne) tracciare distinzioni precise, per cui si hanno pure comportamenti differenti. Nel 1985 Kitamura accentua il fatto che, mentre le percezioni sono legate allo stimolo esterno, le immagini mentali possono essere modificate dalla mente (attiva) poiché possono essere modificate a piacimento dalla mente stessa (Arieti 1967).

Altri autori, come Neisser (1976), difendono la novità delle immagini mentali come costruzioni di nuovi modelli e non di riesumazione di ricordi passati; quindi percezione e immaginazione possono costruire anche immagini nuove che la mente non aveva nei suoi scaffali.

Esiste, quindi, una certa interdipendenza tra l’immagine mentale e il pensiero, e Piaget riconosce all’immagine non solo una funzione cognitiva, probabilmente anticipatoria del pensiero, ma parla di una polivalenza della medesima in cui le dinamiche emotive si esprimono appunto in un codice immaginativo e che quindi ha un suo ruolo ben preciso nel processo cognitivo ed organizzato, o abilità cognitive superiori (Lorenz,nota 19. pag.30).

E così il pensiero logico matematico è diventato uno strumento primo del sapere, a scapito di altri codici mentali come le immagini mentali, cui è stato attribuita solo una complementarietà accessoria. Ciononostante, questa attività mentale è stata reintrodotta nella psicologia e psichiatria attraverso le varie tecniche psicoterapeutiche che si basano appunto sulla produzione di immagini mentali.

Inoltre l’immagine mentale avrebbe la proprietà di simulare più velocemente, di dare informazioni nuove (Ahsen 1982) e di interpretare in modo più strutturale il materiale cognitivo della realtà percettiva e quindi di precedere la rappresentazione della realtà esterna e le varie soluzioni operative che poi il processo cognitivo attua.

Si è preferito adottare una soluzione semplificata delle immagini mentali proposta da Richardson ad altre più elaborate, ma più dettagliate e quindi più dispersive, per la questione apparizionale, in quanto (Shepard) conferma che “una delle sorgenti esterne al cambiamento del pensiero sono appunto le immagini mentali ed i processi mentali che comportano”.

Si ricordi che Holt, tra le immagini mentali inserisce quelle “parapsicologiche, di Entità religiose ed altro.

Il quesito personale del sottoscritto era di sapere:

– quale tipo di immagine mentale corrispondesse sia al ricordo degli eventi del 1944 e susseguenti conseguenze dei medesimi.
– sia all’interferenza di tutta quella sequela di soprusi di ogni genere da lei subita in seguito all’Apparizione e
– che differenziazione si sarebbe potuto fare nei riscontri psicofisiologici che sarebbero emersi dal tracciato e quelli di allora di cui esisteva qualche controllo solo clinico, ma non strumentale.

Il quesito scaturiva dalla differenziazione effettuata da Richardson, che aveva dato una classificazione abbastanza esaustiva delle immagini mentali stesse, e cioè (1983):

– Immagini persistenti. Sono le immagini che permangono dopo, cioè quando la stimolazione esterna si esaurisce, come il guardare il sole e dopo guardare una parete su cui apparirà il sole in altri colori o nei medesimi.

– Immagini eidetiche. Un tempo identificate nell’abilità del soggetto di vedere un’immagine mentale che è l’esatta copia di un’esperienza sensoriale originale e quindi un ricordo vivido. Attualmente si preferisce impiegare tale termine per descrivere un’immagine creata volontariamente dal soggetto. Sono più frequenti nei bambini che negli adulti.

– Immagini del pensiero. L’immagine del pensiero è quella che si accompagna alla vita, in quanto si rievoca nella esperienza di tutti i giorni come elemento di ricordi passati, nei processi mentali e verbali della quotidianità ed accompagna anche le azioni anticipatrici del futuro. È cioè quel tipo di immagine mentale che l’uomo ha vissuto esperienzialmente durante l’apprendimento, trasformandola poi in pensiero e nome proprio o categoria di immagini e che quindi rievoca anche in modo inconscio quando dice nomi o categorie di immagini definite appunto con un nome.

– Immagini dell’immaginazione. Queste immagini compaiono quando si ha una diminuzione dell’attenzione verso l’ambiente esterno ed allora le immagini del pensiero cedono il posto al flusso di immagini dell’immaginazione, in cui il soggetto è sempre più assorbito nel contenuto dei nuovi fenomeni che diventano quasi percettivi (prima quindi stati di coscienza discreti – SdC – intermedi tra lo stato di realtà e l’altro, cioè quello modificato di coscienza – SMC -), ed il soggetto diventa sempre meno attivo verso il mondo esterno che non lo sollecita più ed inoltre i centri che attivano lo stato di realtà tendono a disattivarsi ed si attivano altri centri.

Il contenuto delle immagini immaginative può assumere emozioni molto forti, assume caratteri di novità ed originalità fino a che l’immagine può apparire addirittura come fisicamente presente anche su tutti i canali sensoriali.

Se poi il soggetto s’immedesima sempre più in questo tipo d’immagine, si abbassa la consapevolezza esterna (diminuzione dell’OR ovvero riflesso di orientamento), ed il soggetto vive l’esperienza nell’immaginazione come nella realtà esterna sensoriale, per cui:

– il riflesso di orientamento si abbassa fino a scomparire ed
– emergono altre possibilità psicofisiche particolari, come l’anestesia al momento e postuma, la mancata risposta dell’ attività elettrica cutanea (EDA) a stimoli tattili, dolorifici ed altro, ed anche fenomenologie inusuali, come la fotostimolazione retinica, che diminuisce la sua risposta, ed una diminuzione generale e non patologica di tutte le risposte sensoriali, senza peraltro alterare i relativi recettori.

Questa classificazione ha il merito di differenziare i tipi di immagine cui va soggetta la mente/cervello umani con i riscontri psicofisiologici che li accompagnano e misurabili qualitativo/quantitativamente sui tracciati poligrafici e strumentali vari.

Si può quindi concludere che le varie trance, tra cui la trance estatica, rientrano in quest’ultima categoria di immagini, i cui contenuti del resto sono spesso assimilabili alle stimolazioni percettive, pur non essendo tali ma ritrovandosi sullo stesso continuum percezione immaginazione.


2.1 Le immagini guida della nostra mente e delle nostre esperienze

Con alcune tecniche immaginative guidate o insegnate si può accedere ad immagini immaginative consapevolizzate, che emergono dal racconto del soggetto che si apre al flusso delle immagini che scorre nella nostra mente/cervello e si sintonizza su di esso ed introduce elementi nuovi, ovvero nuove immagini.

Tale fenomeno, da alcuni autori (Pope e Singer 1978) è ritenuto un fenomeno neuronale, che appunto può essere attivato da tecniche di immaginazione guidata o no ed, in quest’ ultimo caso, si hanno immagini inconsapevoli, chiamate anche spontanee, anche se provengono dai ricordi del subconscio o sono appunto nuove acquisizioni del processo cognitivo.

Alcuni soggetti hanno anche caratteristiche psicofisiologiche da verbalizzatori piuttosto che da visualizzatori.
I primi sono coloro che sono abituati a definire le loro emozioni con simboli o parole specifiche, e quindi meno preparati alle emozioni vissute come tali, mentre i visualizzatori sono coloro che elaborano gli stimoli emozionali che ricevono in modo più diretto ed efficiente. I visualizzatori potrebbero essere i soggetti denominati sensitivi, coloro che cioè hanno maggiore sensibilità verso stimoli anche sotto la soglia considerata minima della stimolazione medesima e che quindi elaborano informazioni che gli altri non ricevono; questi soggetti sono anche definiti a “bassa soglia” per il medesimo motivo. A tali abbassamenti delle soglia emozionale possono corrispondere manifestazioni esterne che tendono a deconcentrare il soggetto dal mondo esterno, come ad esempio tuoni, lampi ed altri stimoli, che predispongono il soggetto a ricezione emozionale non controllata dalla coscienza; la coscienza che guiderà il soggetto sarà quella dell’esperienza che sopravviene e che G. Lapassade chiama l’Io della trance (anche se considerata differente: transe).

Da diverso tempo sono state avviate terapie cognitivo comportamentali con le immagini mentali, tali da riprodurre situazione del passato e descrivere così le emozioni provate a suo tempo con la loro psicofisiologia dell’epoca; poi subentra l’addestramento ad immettersi in quelle situazione e le strategie per superarle con nuove soluzioni mediate appunto dalle immagini mentali stimolate.

E’ ben vero che tutte queste tecniche riguardano situazioni stressanti, ma possono essere anche applicate per “produrre nuove immagini che ovviamente non sono più spontanee”, cioè senza evidente stimolo esterno, ma provocate.

Ad esempio, tra le numerose psicoterapie si vuole ricordare gli esercizi superiori del training autogeno (Schultz,1935 e modifiche successive) in cui i processi “meditativi” si basano sulle capacità del soggetto di visualizzare colori, immagini, oggetti concreti ed astratti, scene, persone, entità, ed ecco che la visualizzazione assume un ruolo centrale e si può psicofisiologicamente scivolare dal passaggio della prova di realtà in stati modificati o alterati di coscienza, dove persone, entità immaginate assumono un ruolo principale della visualizzazione stessa.

Tutto questo fa parte della mente attiva, che si trova aldilà della prova di realtà ed è come se stesse vivendo realmente ciò che succede esperienzialmente.

A questo punto è lecito introdurre nelle immagini immaginative anche

– quelle che non riconoscono uno stimolo tra quelli descritti, ma provengono da altre fonti chiamiate “spirituali” e che nel mondo delle religioni si identificano nelle varie Entità ivi presenti (già citato Holt).

E’ logico a questo punto supporre che tali Entità abbiano un altro tipo di approccio con la mente dell’uomo che le trasferisce negli stessi centri sensoriali per comprenderle, e quindi lo stato di coscienza dell’uomo non è quello della realtà ordinaria, ma di uno stato modificato di coscienza di cui si possono testare pure i parametri psicofisiologici e statisticamente costruire tabelle differenziali con lo stato base della coscienza o realtà ordinaria ed altri stati modificati o alterati.

Si tenga poi presente che ad esempio la Madonna, nel mondo Cattolico, è stata un essere umano reale e storico e, secondo la stessa Chiesa, ancora attualmente reale, sebbene con un corpo “modificato” che stimola sempre la mente umana che la percepisce come se fosse sui canali recettivi sensoriali o più propriamente (come dimostrato) nei centri associativi dei medesimi.

Quindi, se questa Entità reale si manifesta a qualcuno ed ad altri presenti no, è perché nello stato in cui è adesso non cadrebbe sotto l’informazione sensoriale, ma stimolerebbe lo stesso i centri sensoriali che l’accolgono come se fosse reale, e quindi per il soggetto che la dispercepisce è esperienzialmente reale (il cervello/mente non ha altri centri per decodificare ed inquadrare gli stimoli dalla realtà esterna o da realtà che possono manovrare come un interruttore gli stessi centri).

Più sotto la mappa degli stati di coscienza di R. Fischer spiega il ruolo del sistema neurovegetativo a seconda della stimolazione dei suoi due componenti: l’ortosimpatico o sistema di allerta, eccitazione, ed il parasimpatico, o sistema di stato o di diminuzione degli stimoli.

Fig 1. Mappa della varietà degli stati di coscienza dalla percezione all’allucinazione; meglio immagine mentale in un continuum di attivazione ergotrofica (ortosimpatica), a sinistra, e percezione meditazione o ipoattivazione per attivazione parasimpatica in aumento a destra.

La prova di realtà tra lo stato di coscienza della realtà inizia dopo l’ansietà a sinistra e dopo la tranquillità a destra, dove hanno inizio gli stati di coscienza alterati o modificati.

3. Registrazione poligrafica di Adelaide

La registrazione è avvenuta in salotto; Adelaide era seduta su una cassapanca/divano; temperatura ambiente sui 22°. Le si è detto che poteva restare lì dove si era seduta: le sarebbero stati applicati dei sensori che avrebbero registrato le sue funzioni di base, come il respiro costale e diaframmatico, l’attività cardiaca come frequenza e tono vascolare, l’attività elettrica della pelle di base e fasica (cioè di risposta a stimoli di vario tipo, come anche a stimoli interni, cioè ricordi emergenti).

La registrazione è durata all’incirca 16 minuti primi.

Non si avevano ancora dei rotoli di carta millimetrata per detto poligrafo convenzionale a scrittura termica; comunque la registrazione è avvenuta su carta termosensibile.

Dopo circa 2′ di stabilizzazione degli elettrodi si è iniziato a farle delle domande nel seguente ordine e lasciando che le risposte potessero essere completate da Adelaide.

Le domande fatte sono state:

– nome e cognome
– quanti anni aveva
– se poteva tornare indietro nel tempo per ricordare quello che era successo ad occhi chiusi
– al paese che era le Ghiaie di Bonate
– l’anno era il 1944
– lei dice di essere agitata perché quei ricordi la agitano per tutto quello che è successo dopo
– le si suggerisce di chiudere gli occhi cosicché può ricordare meglio
– le si chiede della Madonna
– quando l’ha vista
– se la ricorda
– lei dice di ricordare la chiesa di San Giuseppe
– le si chiede se riesce a visualizzarla (le avevo spiegato prima cosa era la visualizzazione), proprio sul sasso dove lei stava in piedi o se si vedeva tale)
– lei dice che riesce a “percepirla con la mente” proprio come la vedeva allora
– rievoca la folla che le fa paura ora come allora
– (se ricorda che è stata portata in braccio dai militari)
– molti si spaventavano
– mi sembrava
– non mi sono mai chiesta nulla (se era tutto vero o cosa)
– mi dice la visione che ricomparirà quando lei sarebbe morta (apparizione del 31/05/1944)
– questo ha detto in una apparizione.
– lei fuma durante la notte
– le sue due figlie di 14 e 12 anni
– chiedono spesso se l’apparizione è vera
– riguardo a don Cortesi
– nessuna colpa neanche se ha esagerato.

Fine delle domande con risposta registrata.


2. Il tracciato poligrafico

Baseline pre domande:

– Respirazione costale: assente.
– Respirazione diaframmatica: 16′ a picchi aguzzi da 25 mm a 8 mm
– Attività elettrodermica: onde fasiche 5 al ‘ da 35 mm a 5 mm a punta arrotondata, larghezza da 8 a 5 mm
– Attività cardiaca periferica (CAM): la frequenza non è misurabile per artefatti, pletismo o tono vascolare sui 5 mm

Si ricalibrano i sensori con sensibilità a 4 ed a 6:

Respirazione costale assente
Respirazione diaframmatica: treni d’onda puntute larghe da 5 mm a 2 mm in aumento e diminuzione
Frequenza respiratoria sulle 18 onde ‘, da 25 mm a 15 mm il picco più alto

Fig n. 2 Registrazione poligrafica.

Attività cardiaca periferica: quarta traccia
Attività elettrodermica terza traccia
Respirazione diaframmatica seconda traccia
Respirazione costale non presente traccia lineare

La prima domanda: come si chiama nome e cognome e anni.

– Attività elettrodermica:

L’onda fasica più alta è come sopra al nome, 60 mm larga 10 mm, poi le onde decrescono e diminuiscono di frequenza, si attestano su 25,15, 5mm molto larghe. Un’altra onda sui 15 mm alla domanda quanti anni ha.

– L’attività cardiaca periferica è irregolare per alta sinuosità del baseline che raggiunge curve alte e strette alle varie domande, ma in diminuendo; la frequenza è sui 96′, pletismo medio sui 5 mm. Quindi il soggetto è molto in ansia.

– La registrazione si sta stabilizzando, manca sempre la respirazione costale.

Per altri due ‘

– Respirazione diaframmatica,frequenza 15 ‘ onde fasiche ampiezza quasi stabile sui 5mm, altezza media da 25 a 15mm; le domande riguardano il paese e il ricordo dell’anno 1944.

– Attività elettrodermica, onde prevalentemente di base sui 6 mm 16 al ‘; alle due domande corrispondono due onde fasiche di 20 mm e 30 mm e larghe sugli 8/12 mm con sopraslivellamento del baseline.

– CAM frequenza cardiaca media sui 78′ che arrivano a 96′ alla richiesta di ricordare il 1944, pletismo da 7 mm a 10/15 alla domanda del 1944.

Fig. n. 3 Registrazione poligrafica

Attività respiratoria costale non registrata
Attività respiratoria diaframmatica seconda traccia
Attività elettrodermica terza traccia
Attività cardiaca periferica quarta traccia

Sente di essere agitata e lo dice:

Respirazione diaframmatica sui 17′ onde pressoché stabili h 20 mm, larghezza sui 5 mm.

Attività elettrodermica -EDA- due onde di 10 e 20 mm h, larghe 8 e 5 mm.

– CAM baseline arcuato convesso 25 mm, frequenza cardiaca 90′, pletismo da 5 a 10 mm.

Al suggerimento di chiudere gi occhi: respirazione due profonde inspirazioni che poi si attesta sui 14′, attività elettrodermica onda sui 45 mm arcuata larga 8 mm. CAM pletismo 12 mm, frequenza cardiaca 84′.

Fig. n. 4 Registrazione poligrafica: si varia l’apertura del segnale, continua la registrazione con le parole chiave inserite più sotto il tracciato

1 traccia registrazione respiro costale non presente
2 traccia respirazione diaframmatica
3 traccia attività elettrodermica
4 traccia attività cardiaca periferica.

Alle parole per “percepire meglio il ricordo della Madonna quando l’hai vista”:

– Respirazione diaframmatica: inspirazioni molto alte 6/8 in un minuto e larghe 6 mm alla parola “vista”; 2 onde fasiche in 15” alte 25 mm e larghe sui 7/8 mm arrotondate in punta; EDA pressoché nulla; CAM baseline concavo appuntito sui 30 mm; pletismo 15mm; frequenza 90′ e sempre baseline ondulato.


Fig. n. 5 Registrazione poligrafica

Prima traccia non rilevata respiro costale
Seconda traccia respiro diaframmatico
Terza traccia attività elettrodermica
Quarta traccia attività cardiaca periferica

Più sotto le parole dette in tempo reale.

Alle parole da lei dette che la ricorda nella “chiesa di san Giuseppe”, respirazione diaframmatica sempre con onde appuntite alte, EDA pressoché ondulata con una sola onda fasica sui 15 mm, CAM pletismo 18 mm, frequenza cardiaca sui 90/96′. Alla parola “Chiesa” sopraslivellamento sui 10 mm.

Fig. n. 6 Registrazione poligrafica

Sempre quattro tracce, manca l’attività respiratoria costale e qualche artefatto nel tracciato quarto dell’attività cardiaca periferica.

Si chiede di visualizzare la Madonna o lasciare arrivare alla mente la di Lei immagine: respirazione diaframmatica, 12′ onde alte appuntite da 25 mm a 10mm, EDA con onde piccole baseline mosso, CAM baseline ondulato costante, frequenza cardiaca 84′, pletismo 15/20 mm stabile.

– “Riesco a vederla mentalmente” quindi non la visualizza, ma la ricorda: respirazione diaframmatica. Baseline sopraslivellato, tre onde in crescendo, un’onda pluricrota di 10 mm di ampiezza e 50 mm di altezza, poi il baseline ritorna normale, le onde fasiche sui 25//30 mm di altezza, larghe circa 4 mm, e questo fino a paura per la folla.

EDA dopo una prima onda larga 10 mm ed alta 25 mm e per 60” il baseline resta quasi piatto, CAM baseline ondulato con escursioni sui 10mm, frequenza cardiaca 84′, pletismo sui 15 mm ,dopo 30′ il baseline è a lieve ondulazione, la frequenza cardiaca sugli 84′ ed il pletismo su 15 mm.

– Paura folla durante l’apparizione

La respirazione diaframmatica diminuisce in altezza, piccole onde arrotondate sui 5/10 mm, frequenza 12 ‘, EDA “folla” onda alta 30 mm larga 8 mm arrotondata e lo stesso durante la parola “apparizione”, CAM pletismo sui 10 mm, frequenza cardiaca sugli 84/90’.

– “Fuma durante la notte” Respirazione diaframmatica molto diminuita onde fasiche 5/10 mm h, larghe da 4 a 3 mm, sui 18′.

EDA un’alta onda fasica 55 mm (la più alta del tracciato), poi il baseline è ondulato, CAM 84′ frequenza pletismo 10/112 mm, baseline quasi piatto. Artefatti.

Fig. n. 7 Registrazione poligrafica: si può notare che inizia a comparire l’attività respiratoria costale, mentre nella seconda traccia le onde si allargano perché Adelaide risponde (onda e sega), l’attività elettrodermica non ha più onde fasiche alte, se non alla domanda su don Cortesi.

– “le sue figlie di 14 e 12 anni le chiedono se l’apparizione era vera”

Respirazione diaframmatica quasi regolare, tre onde alte 12 mm larghe 5 mm, poi piccole e medie onde, frequenza 18′, EDA baseline leggermente ondulato per 60”, CAM baseline ondulato all’inizio convesso, pletismo sui 12/15′, frequenza cardiaca 84′.

Ricordare “don Cortesi”: compare respirazione costale con un’onda medio alta ed un’ onda diaframmatica oltre 50 mm, EDA onda larga 10 mm, alta 25 mm a punta arrotondata, incremento e decremento allargato, CAM sobbalzo del baseline, il pletismo resta sui 12 mm la frequenza sui 78′. Artefatti specie nel CAM.

Fig. n. 8 Registrazione poligrafica

Le parole “don Cortesi” suscitano allerta in tutte le tracce, mentre poi c’è un ritorno ad un tracciato meno emozionale alle parole “neanche se ha esagerato”.

– Nessuna colpa neanche se ha esagerato –
– Respirazione diaframmatica dopo un’onda pluricrota alta 50 mm e larga 25 minuti secondi seghettata, poi riprende respiro regolare con onde alte 8 mm; riprende anche la registrazione delle onde costali molto basse; EDA improvvisa di 25 mm e larga 8 minuti secondi con due piccole onde fasiche di 10 e 5 mm dopo 12 “, baseline CAM acuto sopraslivellamento 40 mm della durata di 5 minuti secondi, poi si stabilizza, frequenza cardiaca 90′ poi 72′, pletismo 15,10,12 mm.


4. Commento conclusivo del tracciato e conclusioni del medesimo

E’ molto importante per una lettura emozionale dei ricordi e quindi anche di come viveva nel 1988 gli eventi del 1944 Adelaide Roncalli, ricordare quanto scrisse davanti ad un notaio assolutamente convinta di aver “percepito” la Madonna, Entità della religione Cattolica.

Il 20 febbraio 1989 dichiarò quanto segue:

“Io sottoscritta Roncalli Adelaide nata a Ghiaie di Bonate Sopra (Bg) il 23 aprile 1937, nel quarantacinquesimo anniversario torno a dichiarare, come già più volte ho fatto in occasioni precedenti, che sono assolutamente convinta di aver avuto le Apparizioni della Madonna a Ghiaie di Bonate dal 13 al 31 Maggio 1944 quando avevo sette anni.

Le vicende da me dolorosamente vissute da allora, le offro a Dio ed alla legittima Autorità della Chiesa, alla quale sola appartiene di riconoscere o no quanto in tranquilla coscienza e in sicuro possesso delle mie facoltà mentali ritengo essere verità.

In fede, Adelaide Roncalli

20 febbraio 1989.”

Se leggiamo con attenzione quanto scritto dopo 45 anni, si notano parole molto importanti per i vissuti emozionali e le esperienze di stati modificati di coscienza di Adelaide Roncalli all’epoca.

“Sono assolutamente convinta”: non ci sono incertezze di aver vissuto un’esperienza particolare e di aver percepito la Madonna, che le parlava e le dava messaggi da riferire. I suoi ricordi sono sempre gli stessi: non ha dubbi o ripensamenti volontari o distorsioni dei ricordi medesimi.

“Le vicende da me dolorosamente vissute (…)”: si apre qui il capitolo che accompagna molte volte queste persone con esperienze di stati modificati di coscienza: non sono credute, le istituzioni non vogliono saperne.

Subentrano esperti che non sono esperti, come il prete Don Cortesi che la tallonava sempre e che voleva mettere tutto a tacere al più presto, con l’aiuto di suore manesche che l’hanno picchiata, con un finto funerale vissuto sotto un sudario e tutta quella sequela che ha dovuto subire sempre nell’ambito religioso cattolico. Il dolore c’è ancora, il sopruso del biglietto imposto da scrivere sotto dettatura è ancora presente ed anche verosimilmente alcuni atteggiamenti del medesimo (la risposta poligrafica alla menzione di Don Cortesi è la massima di tutto il tracciato).

Si sa che queste persone, dal momento che auto-affermano di dispercepire un’Entità come la Madonna, finiscono la loro vita privata e sono esposte a qualsiasi giudizio positivo o negativo, oltre a comportamenti dello stesso calibro; diventano personaggi pubblici e quindi suscettibili di subire qualsiasi “vicenda” emozionale positiva o negativa.

“In tranquilla coscienza e in sicuro possesso delle mie facoltà mentali”: è una continuazione della prima affermazione. Ha subito ingiustizie di ogni tipo: violenze psicologiche e fisiche. Perciò la sua coscienza è tranquilla, non ha nessuna emozione causata da angosce per “aver visto” non completamente bene (riferimenti molto comuni anche nei veggenti ufficializzati dalla medesima Chiesa cattolica) e quindi aggiunge che è in possesso delle sue facoltà mentali: la logica del suo pensiero è coerente, precisa, non falsificabile e la conseguenza di tutto quanto scritto è che per lei sono realtà sensoriale tutti gli eventi apparizionali del 1944, fino all’allontanamento notturno dal convento dove voleva dedicarsi alla vita religiosa.

Adelaide vive ancora quei momento “dolorosi” che ancor all’atto notarile fanno male, sebbene siano trascorsi 45 anni.

4.1 Screening della registrazione e valutazione delle risposte psicofisiologiche

La registrazione è stata eseguita all’improvviso, senza una richiesta preventiva ad Adelaide, che non se l’aspettava di sicuro; sapeva solo di una visita che le era stata preannunciata da don Sessa della vicina Chiesa di San Nazzaro.

Non è una prova conclusiva come potrebbe essere una registrazione col poligrafo usato come lie detector, anche perché non si è soliti usare questo tipo di registrazione (Prova delle bugie) su chi ha subito un evento, perché solo una menzogna volontaria darebbe dei risultati attendibili.

D’altro canto, anche chi può aver subito un evento che non rientra in determinati ambiti religiosi/emozionali (come attivazione emozionale specifica da Entità), può essere attivato anche da stimoli psicofisiologici di immagini mentali che possono sembrare “spontanee”, o sono attivate da pregressi ricordi che danno in seguito e in particolari circostanze uno stato modificato di coscienza con immagini che il soggetto percepisce (dispercepisce) come esperienziali e per lui/lei “reali” della realtà esterna, poiché proiettate all’esterno dal cervello/mente.

In altri stati modificati di coscienza come i sogni, il soggetto è programmato per un particolare stato fisiologico (già geneticamente programmato) che contempla anche la partecipazione attiva nel teatrino mentale del soggetto stesso, dopo essere passato attraverso un altro stato modificato della coscienza che è il sonno, dove potrebbe avere una serie immagini mentali attivate dai ricordi recenti e passati, come nel sogno che è distinto dal sonno.

Adelaide stava giocando e raccogliendo fiori con tre amichette, poi (innesco dell’evento)

– non rispondeva più, assente, immobile, pallida non giocava più, non rispondeva alle chiamate (entra nello stato modificato di coscienza con attivazione ortosimpatica perlomeno media o iper)

o e l’amichetta Palmina corse dalla mamma di lei gridando che Adelaide era: “morta in piedi”, cioè isolata dall’ambiente esterno,con evidente assenza dell’OR, ovvero riflesso di orientamento; non c’erano più stimoli dell’ambiente esterno e verosimilmente in iperestensione della postura con rigidità muscolare.
o (e che viveva una sua esperienza soggettiva che aveva oggettivizzato cioè proiettato nell’ambiente esterno per il comportamento che aveva assunto).

Non si vuole in questo contesto poligrafico rievocare i vari passaggi ambientali e comportamentali da un
pre-evento all’evento e dopo, con quanto è già stato scritto da storiografi citati in bibliografia contemporanei o successivi agli eventi.

TABELLA REGISTRAZIONI FREQUENZA CARDIACA DURANTE GLI STATI DI TRANCE ESTATICA
DI ADELAIDE RONCALLI ALLE GHIAIE DI BONATE (Bergamo) 1994

GIORNI BASALE 1 PROTO ESTASI DURANTE ESTASI DOPO ESTASI BASALE 2
19/05/1944 70 85 72 72 72
20/05/1994 70 88 70 70 70
21/05/1994 70 80 70 72 –
29/05/1994 70 80 70 70 –
30/05/1994 84 120 84 75 75
31/05/1994
(ril. Maggi) 110 116 107 74 74
31/05/1994
(ril.Cazzamalli) 100 118 108/74 74 74

Si sono già citati, in diversi testi, alcuni riscontri psicofisiologici osservati allora nelle successive apparizioni/visioni come

– l’anestesia prima, durante e dopo (testi in bibliografia) desunti dall’esame clinico in situ eseguito dalla dott.ssa Eliana Maggi:

o alla frequenza cardiaca clinicamente accertata ed in parte assieme al dottor G. Loglio (quest’ultimo ha fatto soprattutto parte anche della Prima Commissione medica per la documentazione dei “miracoli” avvenuti alle Ghiaie), quasi sempre presente sul campo;
o A differenza dello Psichiatra Cazzamalli, che presenziò una sola volta alle apparizioni/visioni e scrisse una lunga relazione medico psichiatrica dove nel paragrafo Vita Affettiva descrive le tendenze etiche della bambina ed
o al paragrafo E (Giudizi Morali) dà parere professionale in una disciplina non di sua pertinenza, cioè un campo non suo, trattando di giudizi morali, non di pertinenza di uno psichiatra, ma di un operatore spirituale, e quindi deontologicamente poco corretti.

Le due tabelle mostrano la frequenza cardiaca di Adelaide durante i vari momenti delle su trance estatiche: nella seconda è stata fatta una doppia registrazione da due medici in contemporanea (Maggi, Cazzamalli).

4.2 Valutazione della registrazione poligrafica

Si sono ristretti i tempi di registrazione per non approfittare di quel consenso un po’ estorto, e per avere qualche conferma che il poligrafo potesse avallare il ricordo emozionale di allora e quindi la sincerità di Adelaide e le eventuali immagini mentali attuali del ricordo di allora:

– La registrazione ha dato dei risultati significativi, come emozioni rievocate e tutt’ora presenti, sia di paura che di tranquillità emozionale, in quanto riscontriamo la paura della folla, la paura ancora viva del ricordo di Don Cortesi, la calma emozionale nel rispondere ai quesiti delle ragazze che non provoca modificazioni del tracciato, per cui l’immagine mentale suscitata non è di paura o di ansia che prima aveva.

– La registrazione è stata carente e non perfetta dal punto di vista di registrazione a penna calda.

– La registrazione della respirazione costale non è stata registrata, le penne non ritornavano sempre sull’isoelettrica e questo depone per una non perfetta messa a terra dell’impianto elettrico dell’appartamento; di qui interferenze nel tracciato, a cui si sono aggiunti anche artefatti.

– E’ stata usata una carta termica senza le suddivisioni previste dallo strumento stesso,

– La lettura poi è avvenuta riportando sulla carta millimetrata specifica il tracciato, che è anche visibile sull’originale fotocopiato nel 1988.

4.3 Le interpretazioni psicofisiologiche del tracciato

Adelaide mostra inizialmente un’ansia, cioè un’attivazione emozionale che è supportata da un’attivazione ortosimpatica evidente in tutte le derivazioni poligrafiche, come del resto c’era da aspettarsi da una visita improvvisa e dallo strumento.

La registrazione dell’attività elettrodermica fasica (PH-EDA) mostra le due onde più alte del tracciato alla domanda di come si chiama e del paese di origine, cioè domande non dirette ai fatti delle Ghiaie.

Anche l’attività cardiaca periferica registra un tracciato quasi illeggibile per l’escursione del baseline, mentre poi il tracciato si normalizza tranne che nel baseline dell’attività cardiaca, che non assume più quelle escursioni, anche se il baseline spesso è ondulato, mentre il tono capillare oscillerà sempre con ampiezza maggiore della registrazione preliminare.

Anche il respiro diminuirà di frequenza ed assumerà dei treni di onda in crescendo e diminuendo e si stabilizzerà, meno che in qualche momento particolare, su un ampiezza con scarse oscillazioni; quando parlerà l’onda fasica mostrerà una fase discendente caratteristica seghettata e propria di chi sta parlando.

Anche l’anno 1944 suscita in lei un’emozione che trova riscontro in quanto ha scritto nell’atto notarile; tale emozione non è eccessiva, poiché si ha una modesta ondulazione del baseline dell’attività cardiaca senza aumento della frequenza medesima. La sua stessa ammissione di essere agitata trova dei riscontri poligrafici, come all’inizio della registrazione, e prova la sincerità del momento.

Il chiudere gli occhi non le causa agitazione, mentre il suggerirle di ricordare quando ha visto la Madonna le causa un’attivazione emozionale intensa, che trova due onde medio-alte sull’attività elettrica cutanea e sul pattern respiratorio, 6 profondi sospiri, oltre ad una negativizzazione concavo/acuta nel baseline cardiaco iniziale ed un’oscillazione del baseline abbastanza vivace, mentre la frequenza del medesimo non subisce aumenti; quindi c’è una forte emozione e Adelaide è nello stato di realtà.

Pertanto a questo momento Adelaide mostra un’ “agitazione” alta, ma improvvisa, poiché la frequenza cardiaca non cambia e quindi non ci sono incrementi ormonali di stress da menzogna (si ricordi che mentre nella verità dichiarata si attivano cinque aree cerebrali, nella menzogna se ne attivano nove). Il suggerimento di visualizzarla ed invece – riesco a vederla mentalmente – (secondo lei vuole dire che ha un ricordo intenso, ma solo ricordo nel cervello/mente, non che si ripresenti – e nulla vieta che potrebbe succedere – l’immagine mentale spontanea della medesima). (Richardson).

Tuttavia si consideri anche l’approccio improvviso con Adelaide, che riceve informazioni sul poligrafo solo al momento, e quindi l’ansia e quanto proposto, escluso la frode cosciente.

Si tenga presente, sempre in accordo con Richardson (1983), che c’è una correlazione tra immagini mentali evocate e risposte psicofisiologiche e quindi relazionale:

– Relazione tra l’immagine mentale suscitata e le attività psicofisiologiche che possono accompagnarla.

– Relazione di tipo funzionale relativa al rapporto tra contenuto dell’esperienza immaginativa e le eventuali conseguenze fisiologiche.

E’ ben vero che lo studio sui correlati psicofisiologici delle immagini mentali in genere, e quindi anche di quelle ricordate, riguarda il fatto se esistono delle modificazioni psicofisiologiche specifiche che accompagnano le immagini mentali che possono essere distinte da quelle di altri eventi mentali accompagnatori sia del fatto primario, sia del ricordo.

Sempre Richardson (1984) ricorda che:

– Per aver un effetto psicofisiologico paritario, l’immagine mentale dovrebbe presentare delle caratteristiche simili all’esperienza primaria, cioè il contenuto dell’immagine; a questo punto tanto più i contenuti dell’immagine mentale sono vicini all’esperienza primaria, tanto più si evidenzieranno i riscontri psicofisiologici.

– Tali immagini primarie e rievocate presentano caratteristiche specifiche che rivestono un’importanza fondamentale nell’ attivazione dei vari processi biologici che possono essere testati.

Quindi anche i sospiri testé descritti depongono per la considerazione critica che la risposta psicosomatica all’immagine mentale da rievocare non esclude lo stato mentale del soggetto all’epoca e successivi tempi; resta da includere che l’immagine mentale è sempre un’immagine mentale emozionale, che attiva anche la componente cognitiva (Lang 1979), che fa riemergere i vissuti accompagnatori di allora e del dopo, assieme all’immagine stessa (“immagine mentale immaginativa”).

Il sottoscritto non ha termini di paragone con riscontri psicofisiologici dell’epoca o successivi, in quanto le uniche osservazioni in mio possesso sono solo quelle della dott.ssa Eliana Maggi, che ha controllato manualmente le pulsazioni dell’arteria radiale, e quindi si sono costruite delle tabelle sulla base dei riscontri effettuati e che si possono controllare qui di seguito.

Altri medici hanno constatato soprattutto l’anestesia cutanea, meglio definita come O.R ., ovvero Riflesso di Orientamento, molto importante nel definire se si è già in uno stato modificato di coscienza, oltre la prova di realtà e debitamente relazionato.(“Oltre ad essi erano presenti anche studiosi e professori che volevano verificare se Adelaide fosse veramente in estasi. Per questo la chiamarono per nome, la scossero, la punsero con degli spilloni sulle guance e negli occhi, accesero un fiammifero e lo fecero bruciare sotto al suo naso; ma tutto questo non servì a niente, Adelaide rimase sempre impassibile”, bibliografia L. Iblani).

Il ricordo di don Cortesi è per lei fonte di paura rievocata con le modificazioni psicofisiologiche accompagnatorie e descritte, mentre la domanda delle figlie se “ha realmente visto la Madonna ” non le causa alcuna variazione, specie sull’attività elettrica cutanea EDA, e quindi la sua esperienza del 1944 è stata vissuta allora e ricordata poi, nel 1988, come reale, cioè in uno stato modificato di coscienza di tipo estatico, con attivazione iper ortosimpatico trofica e oltre la prova di realtà, cioè con abolizione pressoché totale del OR, ovvero riflesso di orientamento (vedi eventualmente mappa degli stati modificati di coscienza di Fischer).

Con questa relazione si vuole,

o in parte sulle dinamiche generali della trance estatica,
o ma soprattutto sulla dinamiche psicofisiologiche di Adelaide e suoi ricordi

affermare che Adelaide non ha mentito circa l’esperienza delle sue apparizioni/visioni; inoltre si vuole affermare che è stata lei a descrivere la rievocazione della Madonna. Il suo “riesco a vederla mentalmente” è un ricordo molto vivido, e quindi l’immagine immaginativa appartiene al contesto della trance estatica medesima e non è differente dall’immagine immaginativa del 1944; é perciò credibile e scevra da falso ricordo, inganno inconscio mentale, mentre la frode conscia si esclude da sé dal tracciato medesimo.

Durante le prove psicofisiche subite dai medici di allora, Adelaide era all’epoca in uno stato di profonda trance, soprattutto per l’assenza del riflesso di orientamento, anche se la frequenza cardiaca (il pletismo non è stato accertato) non dimostra elevati picchi di ingresso della trance medesima, come dimostrano le tabelle elaborate sui riscontri clinici. Il ricordo di Don Cortesi, invece, è molto problematico, poiché a distanza di 44 anni è vissuto ancora dolorosamente, anche se cerca in parte di scusarlo: questo va ad onore di Adelaide, che tenta di smorzare quel ricordo e quell’esperienza che invece internamente vive ancora molto male, trattandosi pertanto non di una ferita cicatrizzata, ma ancora dolente.


5. Bibliografia

1) G. Giacometti, P. Sessa, Verrà a visitarci dall’alto, edito in proprio nel 1988, pag 301/302
G. Gagliardi “Considerazioni sullo stato di coscienza modificato di Adelaide Roncalli durante l’Epifania Mariana di Bonate”

2) Anna Maria Turi, Pourquoi la Vierge apparait encore, Edition Felin Paris 1988, pag. 371/381
G. Gagliardi, M. Margnelli per la definizione dello stato estatico

3) M. Margnelli, G. Gagliardi, le Apparizioni della Madonna, Riza Scienze, 1987, Le Ghiaie di Bonate pag.64/66

4) Attilio Goggi, Sarò riconosciuta, Apostolato Mariano di Milano, Edizione f.C. del 1983 riguardo Dott.ssa Maggi pag.47/50.

5) F. Cazzamalli, La Madonna di Bonate, Fratelli Bocca editori, Milano 1951.

6) Poli Ermenegilda, La fede della gente a Bonate, Edizione Artigrafica Stella di Verona, 1988

7) Bortolan Severino, Le Apparizioni a Ghiaie di Bonate, Edizione fuori commercio, 1987

8) Angelo Cantaluppi, Riflessioni sulle apparizioni di Bonate, Edizioni Toroselle, 1999

9) A. Ballini, Una fosca congiura contro la storia, Edizioni Ars Grafica Roma, 1954

10) A. Ballini, L’inutile e falsa questione storica delle apparizioni di Bonate del 1944, Fatima e Le Ghiaie,
Edizioni grafiche Carrara di Bg 1971

11) A. Ballini, Che avvenne alla Ghiaie nel 1944, Opuscolo Boltiere 1952

12) P. Cipriano Casella, Ubbidienti sì, stupidi no, dal settimanale “Il nostro tempo di Torino”, dicembre 1951

13) G Sacco, I giochi della mente, Edizioni Melusina 1994

14) A. Richardson, Mental Imagery, N Y Springher, 1969

15) Fischer, R.: A Cartography of Ecstatic and Meditative States. Science, 174, N. 4012, 1971

16) Ludwig, A.M.: Altered States of Consciousness. Arch Gen Psychiatr, 15, 225234, 1966

17) Tart, C.: Stati di coscienza. Astrolabio, 1977

18) AA.VV.: La fenomenologia della coscienza normale e alterata, Theta Pubblicazioni 2000,
Centro Studi sulla Psicofisiologia degli Stati di Coscienza di Milano.

19) A. Antonietti, Le immagini, Formato file: PDF/Adobe Acrobat, www.erickson.it/erickson/repository/pdf/doc_cre_7.1.1.pdf

20) G. Lapassade, L’io nella transe, Edizioni Feltrinelli 1984

Il dopo operazione Cathedral

Da La Repubblica: Il dopo operazione Cathedral (dirtti riservati)
28 novembre 2010
By Morkhoven
La banda dei pedofili on line

VERONA – Che faccine tristi che hanno. Guardano sempre verso l’ occhio della telecamera, mai quello che stanno facendo. Come se volessero chiedere ai loro aguzzini, quelli che li stanno filmando, che dicono loro come muoversi, dove spostarsi, se va bene così, se sono contenti. Come se volessero assicurarsi di essersi guadagnati qualcosa.

Qualche soldo, la libertà, la fine delle botte, qualcuno ha dei lividi sul corpo. Che faccine tristi che hanno gli attori bambini dei pornofilm per i pedofili. Un traffico internazionale, gestito da una società russa, che un’ inchiesta della Procura di Verona punta a smascherare. Per questo chiederà all’ Interpol di entrare in azione. Hanno faccine larghe, russe, ucraine, zigomi alti e guance arrossate le piccole vittime. Faccine asiatiche, minute, occhi tagliati a mandorla. Faccine nordiche, bionde, di panna e di velluto chiaro. Faccine nere, di carbone, da americalatina. Faccine da miseria, che non sorridono mai. Fanno quello che fanno i grandi quando fanno sesso, né più nè meno, con tutte le varianti, le fantasie, le perversioni degli adulti. In due, in tre, in quattro. Un bambino e una bambina, due bambini e una bambina, tre bambini e una bambina. Due bambini. Due bambine. Un adulto e un bambino. Un adulto e una bambina. Due adulti e un bambino. Due adulti e una bambina. Fanno quello che fanno i grandi. Ma questi sono bambini, solo bambini, il più vecchio non avrà più di dieci anni, tutti gli altri meno.
Cinque, sei, sette anni, ce ne sono perfino di sei mesi. E se ti piace puoi vederteli tutti, scaricarteli nel tuo computer dando al file dell’ orrore un nome bello, fantasioso, che nessuno se ne accorgerà mai, e rivederteli la notte, quando vuoi, quante volte vuoi, rivenderli, scambiarli con quelli come te, quelli che hanno il tuo stesso diavolo dentro. Ce n’ è duemila di video e di foto pornografiche coi bambini in questo sito specializzato per pedofili che ha sede a Mosca e si appoggia, per riscuotere i tuoi soldi, a una banca americana. Hai solo da scegliere, dare il numero della tua carta di credito e pagare in dollari. Clic, cinquantamila lire, poco più, per entrare, e scorrono i video e le foto che volevi. Non ti basta quello che hai visto, vuoi andare avanti? Clic, altre cinquantamila, e i video e le foto si fanno sempre più scabrosi. Non ti basta, ne vuoi ancora? Clic, altre cinquantamila. Vuoi qualcosa di speciale? Clic, ancora cinquantamila. E così via, fino al peggio, in un’ escalation di violenza, in un gioco perverso di scatole cinesi e di dollari che corrono. « Spengo? ». « Spenga, dottore, spenga pure ». Giulio Mario Schinaia, procuratore aggiunto di Verona, pigia un tasto rosso sul suo computer bianco, riposa gli occhi su un paesaggio fulvo di campagna appeso alla parete del suo studio (« Dell’ Oca Bianca, un minore veronese, molto espressivo ») e tira un sospiro. Ne ha quattro, di cd rom così, sono le prove della sua inchiesta sulla pedofilia via Internet, che vuole andare a colpire dove nessuno è ancora arrivato, fino agli organizzatori del traffico su scala internazionale. E’ la più ambiziosa dopo l’ operazione « Cathedral » scattata a Londra due anni fa, che portò in Italia alla scoperta di « Lollov », alias Paolo B., un miliardario torinese che mandava in rete le immagini proibite della figlia seduta sulle sue ginocchia. Schinaia ha arrestato un prete, Don Marco Gamba, 36 anni, parroco di Chiusa San Michele, nel torinese, che aveva una valigia di materiale pornografico relativo ai minori, e numerose foto Polaroid che lo ritraevano « impegnato in giochi sessuali » con due ragazzini della Bassa Val di Susa, di undici e dodici anni. Immagini che venivano scambiate attraverso il web. E’ accusato di violenza sessuale sui minori e traffico di materiale pornografico, sempre relativo ai minori, via Internet. Rischia dieci anni di galera.
Il magistrato veronese ha indagato anche 59 persone, in varie città italiane, tutte « clienti », come il parroco, dello stesso sito per pedofili. Tutti uomini, tutti adulti, la maggior parte di mezza età, sposati, insospettabili, benestanti. Imprenditori, manager, professionisti, funzionari di banca, dirigenti delle poste, impiegati dello Stato. Sono accusati, per ora, di detenzione di materiale pornografico prodotto mediante lo sfruttamento sessuale dei minori di diciotto anni, ma il magistrato sospetta che abbiano anche diffuso, scambiato e venduto questo materiale. E proprio partendo dai pesci piccoli, dai « consumatori », la procura di Verona punta ad arrivare ai pesci grossi: quelli che organizzano e gestiscono nel mondo la rete di pedofilia via Internet.
Un affare da centinaia di miliardi. « C’ è una rete di dimensioni internazionali molto sofisticata ed agguerrita, con grandi mezzi finanziari a disposizione e un’ organizzazione potente di uomini – dice Schinaia – che ha installato le sue sedi in paesi stranieri, soprattutto in Russia, in Cina e negli Usa, e fa riferimento ad una serie di istituti bancari e di società non sempre facilmente individuabili. Noi siamo partiti dal basso per arrivare in alto, e sono convinto che sia possibile smascherare gli organizzatori del traffico ». Cominciò a gennaio l’ operazione anti-pedofili, ribaltando i metodi tradizionali di indagine, cioè partendo per prevenire invece che aspettando di intervenire. Così fu lanciata « una rete nella rete ». Un’ esca. Un finto sito, dove finti pedofili incontravano pedofili veri, promettendo scambi di materiale scottante e inedito. Abboccò per primo Rino Foradori, 42 anni, presidente di una cooperativa di distribuzione di editoria religiosa, ex esponente del movimento dei Focolarini. Lo arrestarono a Grottaferrata. Poi, quando i pedofili (quelli veri) fiutarono il pericolo e non abboccarono più, la Procura scelse un’ altra strada. Individuò su Internet alcuni siti per pedofili, poi concentrò l’ attenzione su uno solo, quello di Mosca, il più fornito, il più frequentato, e cominciò a scoprirlo, passo dopo passo, come un cliente normale. Sei carabinieri, esperti in computer, vennero dotati di due carte di credito con cui pagare gli accessi. Attraverso gli estratti conto della banca risalirono al nome della società russa beneficiaria degli accrediti. Quindi chiesero agli istituto di credito italiani di comunicare i nomi dei clienti che avevano versato soldi a quella società. Ed ecco l’ elenco dei pedofili. Sono di Milano, Roma, Torino, Genova, Bologna, Napoli, Venezia, Padova, Vicenza, Belluno, Trieste, Brescia, Parma, Modena, Piacenza, Bergamo, Monza, Biella, Como, Asti, Pavia, Chieti, Savona, Forlì, Grosseto, Ascoli Piceno, Siracusa. Sono tutti caduti dalle nuvole quando hanno visto i carabinieri bussare all’ alba alle loro case con l’ ordine di perquisizione in mano e sequestrare i computer. Come un imprenditore cinquantenne di Venezia, sposato e padre di quattro figli, come un elettrotecnico trentaquattrenne di Udine, padre di due figli, come un insegnante quarantacinquenne di Brescia, padre di tre figli. « Per errore », tutti dicono di essere entrati in quel sito per errore. « Difficile da credere – dice il magistrato – a meno che la loro carta di credito non sia stata usata da qualcun altro a loro insaputa ». Difficile da credere perché tutti gli indagati si sono collegati a quel sito « più volte ». Gli estratti conto, 52mila, 66mila, 113mila, 245mila ogni volta parlano chiaro. « Alcuni di loro si sono collegati a quel sito anche più volte nella stessa giornata e anche quattro, cinque volte di seguito, arrivando a spendere anche tre, quattrocento mila lire al giorno ». Pagando cifre sempre più alte per vedere l’ orrore su quelle faccine tristi. – dal nostro inviato ROBERTO BIANCHIN
da ( la Repubblica — 16 luglio 2000 pagina 24 sezione: CRONACA (diritti riservati)
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2000/07/16/la-banda-dei-pedofili-on-line.html /diritti riservati)
This entry was posted on Dimanche, novembre 28th, 2010 at 10 h 51 min and is filed under Operation Cathedral. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.
Copyright © 2010 Zandvoort doc. All Rights Reserved.
Magazine Basic theme designed by c.bavota.
Powered by WordPress.